Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Scopri la Sicilia > Provincia di Agrigento > Licata > Cosa vedere qui > Museo Archeologico Regionale della Badia (Monastero di Santa Maria del Soccorso)
avantiavanti
 192 visualizzazioni

Museo Archeologico Regionale della Badia (Monastero di Santa Maria del Soccorso)

Religioso, Storico, Monumentale, Museale, Archeologico

Il Museo è ubicato nel centro storico, nei pressi della piazza S. Angelo. La sede museale, è il cinquecentesco convento cistercense di S. Maria del Soccorso, meglio conosciuto ancora oggi come Badia, ampliato nel Seicento con la costruzione del chiostro e nel Settecento con la nuova ala prospiciente alla piazza S. Angelo. Confiscato con la soppressione degli ordini religiosi, l'edificio divenne sede di scuole pubbliche, destinazione che mantiene in parte tuttora. Dell'ex convento il Museo occupa parte del piano terra e il chiostro. Con il concorso della Soprintendenza di Agrigento, del Comune di Licata e della locale Associazione Archeologica Licatese, il museo nasce come antiquarium annesso alla Biblioteca Comunale di Licata, dalla quale si separa nel 1971 dando origine al Museo Civico. L'apertura della nuova sede della Badia avviene nel 1995.
Il museo illustra la storia ed i caratteri degli insediamenti umani nel territorio di Licata e della bassa valle dell'Imera.
La Montagna di Licata, dove sorge oggi la città moderna, e le altre limitrofe, poste a controllo del fiume Imera, sono state fin dalla preistoria luogo di insediamenti umani. In particolare sulla Montagna di Licata sorgeva un centro greco arcaico che si espanse in periodo ellenistico sulle vicine alture di Monserrato e Monte Sole. In esso nel 280 a.C. il tiranno di Agrigento Finzia, trasferì le popolazioni di Gela, dopo la distruzione di quest'ultima, fondando una nuova città che prese il nome di Phintias.
Le collezioni sono quelle provenienti dagli scavi condotti negli ultimi decenni dalla Soprintendenza di Agrigento nel territorio di Licata e della bassa valle dell'Imera. Il museo possiede inoltre una collezione di arte medio-evale, di proprietà del Comune, e alcune tele provenienti dai conventi soppressi nell'800.
L'ordinamento consente un inquadramento topografico e cronologico dei reperti attraverso l'ausilio di supporti didattici.
Sala d'ingresso Stemma ligneo della città (sec. XVIII). Reperti ceramici destinati agli usi del convento, venuti alla luce con gli scavi effettuati durante i lavori di restauro della stessa Badia negli anni 1988-'89
Sala 1 Collezioni provenienti dalla Montagna di Licata, con reperti dall'età preistorica (V millennio a.C.) all'età ellenistico-romana (I sec. a.C.). Notevoli alcune iscrizioni in lingua greca. Nel vano interrato reperti di diverse età di provenienza subacquea recuperati nel mare di Licata.
Sala 2 Reperti da contrada Casalicchio dell'età del bronzo (fine III millennio a. C.), greci (VI-III sec. a.C.) e bizantini (VI sec. d. C.).
Sala 3 Reperti ellenistici (III-II sec. a.C.) dalla contrada Marcato d'Agnone, grecoarcaici, classici ed ellenistici ( VI-III sec. a.C.) da Portella di Corso.
Sala 4 Reperti dell'età del bronzo da Canticaglione e da Monte Petrulla (fine III-inizi II millennio a.C.) e di diversi periodi da località varie
Sala 5 Reperti del tardo bronzo della cultura di Thapsos (metà II millennio a. C.) da contrada Madre Chiesa.
Sala 6 Reperti dell'età del bronzo (fine III millennio a.C.) da località Muculufa.
Nel chiostro sono esposti reperti litici ed elementi architettonici di diversa provenienza e le statue medioevali (sec. XIV-XV) provenienti dal convento dell'Annunziata (Carmine), e una Madonna del Soccorso di Domenico Gagini datata 1470 proveniente dalla omonima chiesa.
Fonte: http://www.comune.li...Inserito da Alfredo Petralia   
Mostra / Nascondi

+ Inserisci info
Foto

Foto  

+ Inserisci foto
Video

Video  

+ Inserisci video
Eventi

Eventi  

+ Inserisci evento
0
0
0
Cosa vedere vicino

Cosa vedere vicino  

Palazzo Frangipane

 

Chiesa del Santissimo Salvatore

 

La Grangela

 


Scopri altre risorse
+ Inserisci risorsa
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
SU
ETNAPORTAL.IT
Paesaggi dalla Cinta Spagnola

Chiesa di Santa Maria La Vetere

 

Santuario di Sant'Angelo Carmelitano

 

Palazzo Comunale

 


Scopri altre risorse simili
ATTIVITA' COMMERCIALI NELLE VICINANZE

Dove dormire

Appartamento, Bed And Breakfast, Casa va...

LAMPEDUSA BEACH

a Lampedusa e Linosa, Agrigento - 184,5 km

La vacanza ideale per gruppi e famiglie Casa Vacanza, Appartmenti e Bed & Breakfast Lampedusa

Dove mangiare

Osteria, Ristorante

OSTERIA L'AMBASCIATA DI SICILIA DI LO BURGIO DARIO

a Agrigento, Agrigento - 36,7 km

Dal 1919, nel cuore del centro storico, l'Osteria L'Ambasciata di Sicilia è una parte di storia dell...

Servizi Commerciali

Scala dei turchi coast -
Artista, Cine-Fotografici, Corsi Fotogra...

STUDIO AUT

a Agrigento, Agrigento - 36,7 km

Good morning! If you're planning to get married in Italy and enjoy the breathtaking landscapes and r...

OffertaOfferte

stampa foto digitale

Disponibili  
99+

0,00 €
0,00 €

Made in Sicily

Primosale al pomodoro secco
Gastronomico

Primosale al pomodoro secco

5,00 / 1000.00 g

x
he