Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti alluso dei cookie.
Scopri la Sicilia > Provincia di Trapani > Erice > Cosa vedere qui > Castello di Venere
avantiavanti
 2407 visualizzazioni

Monumentale, Storico, Castelli e torri

La rocca sulla quale nel medioevo venne edificato il Castrum Montis Sancti Juliani, conosciuto tradizionalmente come 'Castello di Venere', fu frequentata dalle popolazioni locali sin dalla preistoria, come attesta il ritrovamento di molti oggetti in pietra, ceramica e bronzo rinvenuti nell'area. A partire dall'et Arcaica (VII-VI a.C.), cos come testimoniato dalle fonti storiche e soprattutto da alcune iscrizioni ritrovate ad Erice, il sito fu sede di un Santuario dedicato al culto di una importante divinit femminile della fecondit. La notoriet del Santuario, nel quale si praticava la prostituzione sacra, cos come in altri coevi santuari sparsi lungo le principali rotte marittime del Mediterraneo, si accrebbe dopo la conquista della Sicilia da parte dei Romani (III a.C.) che identificarono la dea con Venere portando il suo culto anche a Roma dove furono dedicati due templi a Venere Ericina.
Dopo un lungo periodo di declino, durato dalla tarda antichit all'alto medioevo quando gran parte dei resti del santuario andarono perduti, nell'area venne edificata una piccola chiesa dedicata a Santa Maria della Neve, forse in concomitanza con la costruzione del castello da parte dei Normanni (XI-XII sec.).
In et moderna l'area intorno al castello sub ulteriori manomissioni a partire dalla costruzione dell'attuale rampa di accesso (nel XVI sec.) che sostitu l'antico ponte levatoio, colmando il fossato che divideva la parte bassa fortificata (noto con il toponimo di castello del 'Balio') dal nucleo sulla rocca. Ulteriori interventi di restauro e manomissioni furono condotti dal conte Pepoli nel XIX secolo; infine, scavi archeologici eseguiti dalla Soprintendenza alle Antichit nel 1930-31 e condotti dal Cultrera, modificarono ulteriormente gli spazi interni del monumento, con l'abbattimento di muri e l'apertura di saggi di scavo grazie ai quali stato possibile individuare solo parzialmente le antiche strutture relative al recinto sacro del santuario.
Fonte: www.comune.erice.tp....Inserito da federicosic   
Mostra / Nascondi

+ Inserisci info
0
1
1
Cosa vedere vicino

Cosa vedere vicino  

Chiesa di San Cataldo

 

Monastero e Chiesa di San Carlo

 

Chiesa di San Pietro

 
Stradina tipiche medioevali


Scopri altre risorse
+ Inserisci risorsa
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
SU
ETNAPORTAL.IT
Grotte di Primosole presso il Bivio Iazzotto.

Chiesa di San Pietro

 
Stradina tipiche medioevali

Chiesa e Convento di San Domenico

 

Chiesa e Monastero del SS. Salvatore

 


Scopri altre risorse simili
ATTIVITA' COMMERCIALI NELLE VICINANZE

Dove dormire

Hotel

RELAIS ANTICHE SALINE

a Paceco, Trapani - 9,5 km

Il baglio è una tipologia architettonica che nasce per definire luoghi di difesa e controllo divenu...

Dove mangiare

Interno Trattoria del sale
Trattoria

TRATTORIA DEL SALE

a Paceco, Trapani - 9,5 km

Nel cuore della Riserva Naturale orientale delle Saline di Trapani e Pacco, il Museo Ristorante Sali...

Servizi Commerciali

Salina Culcasi
Market

SALE NATURA SALINE CULCASI

a Paceco, Trapani - 9,5 km

Il sale marino integrale è un prodotto più completo rispetto al comune sale raffinato. Oltre al so...

OffertaOfferte

Festa di Fine Anno Scolastico

Festa di fine anno scolastico

Disponibili  
99+

15,00 €
10,00 €

Made in Sicily

Fior di sale in barattoli da 200g
Gastronomico

Fior di sale

54,00 / 9.00 unita











x
he