Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti alluso dei cookie.
Scopri la Sicilia > Provincia di Palermo > Gratteri
 3866 visualizzazioni

Alle prime falde delle Madonie, fra le quali troneggia il massiccio di Pizzo di Pilo, sovrastante panoramicamente la costa tirrenica, a 657 metri sul livello del mare, circondata da piccoli monti e colline che le fanno da corona, dai dintorni ameni e lussureggianti di pini ed eucaliptus, sorge la piccola ed incantevole Gratteri. Il centro urbano, che allo stato conta mille anime circa, disposto ad anfiteatro, si affaccia sul lato nord del territorio e gode di un meraviglioso panorama che va dal golfo di Cefal al golfo di Palermo. Gratteri dista da Palermo circa 70 Km. Il territorio esteso 3.846 ettari con un'altimetria che va dai 60 metri s.l.m. ai 1385 metri s.l.m. di Pizzo di Pilo, circa 2.600 ettari ricadono all'interno del perimetro del Parco delle Madonie. Il toponimo sembrerebbe derivare da "Cratos" o "Craton" - riferito al nome originario di Pizzo di Pilo - o da "Crati" - nome del torrente che attraversa il centro abitato. Altra ipotesi che il nome derivi dalla "Grotta Grattara". Come confermato dal ritrovamento di alcuni reperti archeologici, si pu affermare che le prime tracce riguardanti la presenza umana nel territorio di Gratteri si riferiscono al periodo compreso tra l'et del bronzo e l'inizio dell'et del ferro. Il primo signore di Gratteri fu tal Guglielmo da Gratteri, del quale si ha memoria in un diploma della contessa Adelasia del 1112; nel 1148 gli successe Gamelino de Gastenel. Successivamente i Signori di Manforte possedettero la signoria sino al 1250, anno in cui le terre di Gratteri vennero assegnate per disposizione testamentaria di Manfredi, figlio di Federico II, alla chiesa metropolitana di Palermo. Nel giugno del 1263, Manfredi assegnava le terre di Gratteri e di Isnello ad Enrico Ventimiglia; successivamente, dopo varie vicissitudini, Carlo D'Angi assegn Gratteri ad un suo fido, Guglielmo de Monsterio (guerra tra Aragonesi ed Angioini). Il 14 maggio 1338 Gratteri ricadeva nelle mani dei Ventimiglia e veniva trasformata da signoria a baronia, titolo che manterr per circa sei secoli. Nel 1832, anno in cui mor Giuseppe Ventimiglia, il possesso della baronia di Gratteri, per matrimonio, pass prima alla famiglia Monroy e in seguito a Carlo Stagno d'Alcontres, i cui discendenti vendettero i possedimenti a privati.
Fonte: http://www.comune.gr...Inserito da Alfredo Petralia   
Mostra / Nascondi

+ Inserisci info
Foto

Foto  

+ Inserisci foto
+ Inserisci localita
Video

Video  

+ Inserisci video
Eventi

Eventi  

+ Inserisci evento
0
0
0

Castello di Gratteri

 

Madonna del Rosario (Matrice vecchia)

 

Chiesa di San Giacomo

 


Scopri altre risorse
+ Inserisci risorsa
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
SU
ETNAPORTAL.IT
Per le vie di Rometta

Petralia Sottana

 

Cefalù

 
Cefalù

Lascari

 
Piazza Garibaldi monumento ai caduti di Lascari


Scopri altri comuni vicino
Monti di caltavuturo - Madonie
ATTIVITA' COMMERCIALI NELLE VICINANZE

Dove dormire

Casa vacanza

CASA VACANZE MARIUZZA

a Capaci, Palermo - 67,3 km

Nel tranquillo centro storico di Capaci, ma a pochi passi dalla piazza e dal mare. Può ospitare com...

Dove mangiare

Ristorante, Pizzeria, Discoteca, Wine Bar
Bar, Pizzeria, Ristorante, Sala Ricevime...

NIGHT LIFE

a Palermo, Palermo - 49,8 km

RISTORANTE PIZZERIA DISCOTECA WINE BAR

Servizi Commerciali

Origami 3d Cannoli (si consiglia di allontarsi dallo schermo per vedere meglio). 150.000 pezzi
Artista

ORIGAMI 3D DI EMILIO

a Bagheria, Palermo - 41,8 km

L'arte degli origami con il cartoncino riciclato dei gratta e vinci.

OffertaOfferte

Visita all'Oasi di Fiumefreddo

Disponibili  
99+

5,00 €
5,00 €

Made in Sicily

Artistico

L'INIZIO DELL'IGNOTO

10,00 / 1.00 unita

x
he