Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti alluso dei cookie.
Scopri la Sicilia > Provincia di Trapani > Castellammare del Golfo > Scopello > Cosa vedere qui > Tonnara di Scopello
avantiavanti
 1315 visualizzazioni

Monumentale, Storico

La tonnara di Scopello una delle pi importanti e antiche di tutta la Sicilia, fu edificata non prima del XIII secolo e notevolmente ampliata dalla famiglia Sanclemente nel corso dei secoli XV e del XVI, pass quindi alla Compagnia di Ges e infine alla famiglia Florio. Un geografo arabo, Idrisi, che verso la seconda met del XII secolo descrisse la Sicilia, non fa particolare menzione di Scopello e questo fatto ci induce a ritenere che dovesse, a quel tempo, essere poco popolato o abitato soltanto stagionalmente per l'esercizio di una piccola tonnara. Il territorio dove sorgeva il malfaraggiu o marfaraggiu (vocabolo di indubbia origine araba), ovvero il fabbricato per la ciurma e per il deposito della tonnara, che aveva iniziato l'attivit nel XIII secolo, apparteneva al demanio di Monte San Giuliano. Rimase possedimento demaniale fino al XV secolo: il 1 marzo 1442 fu concessa a Simone Mannina - dal procuratore generale di Alfonso V d'Aragona Gisberto de Sfar - per 40 onze con la clausola della restituzione presso il notaio palermitano Pino de Ferri. Alla sua morte pass alla figlia Bartolomea che la apport per matrimonio a Giovanni Sanclemente il quale, impiegandovi parte del suo patrimonio volendola rendere pi efficiente, ne ottenne concessione perpetua con la facolt di ampliarla da parte di Lope III Ximnez de Urrea y de Bardaixi Vicer di Sicilia con privilegio del 28 marzo 1468; solo a partire da questa data si pu parlare di una tonnara vera e propria. A Giovanni Sanclemente succedette il figlio Simone Sanclemente, I barone di Inici, che ebbe la conferma della stessa successione con privilegio dato a Toledo il 18 luglio 1502. Il barone Simone Sanclemente ebbe, tra gli altri figli, Giuseppe Sanclemente, il primogenito, che pervenne in possesso dei due terzi della tonnara, e Giovanni Sanclemente, il terzogenito a cui fu assegnata la rimanente parte; a Giuseppe succedette il nipote Simone Sanclemente (figlio di Giovanni Sanclemente) il quale per non ebbe discendenza, sicch alla sua morte la quota da lui posseduta passo alla madre Allegranza Sanclemente; Giovanni ebbe anche una figlia, Francesca, che eredit la parte di tonnara del padre ma non ebbe discendenza; Allegranza divenne quindi unica proprietaria della tonnara (e delle altre propriet dei Sanclemente) e, con testamento del 12 gennaio 1597, ne assegn due terzi al Collegio dei Gesuiti ed un terzo al Monastero del SS. Rosario di Trapani. Quando nel 1767 fu soppressa in Sicilia la Compagnia di Ges da Ferdinando III di Borbone su sollecitazione del Segretario di Stato Bernardo Tanucci, la loro quota della tonnara ridivenne possedimento demaniale, e fu in seguito acquistata alla somma di 20.000 scudi da Baldassare Naselli principe d'Aragona. Nel 1805 tuttavia, i Gesuiti, ritornati in Sicilia riuscirono a rientrare in possesso della loro quota; un decreto di Giuseppe Garibaldi del 17 giugno 1860 scioglieva nuovamente la Compagnia di Ges, tutti i beni e le propriet della Compagnia diventavano cos demanio del nuovo Stato unitario. Dopo l'unit d'Italia, 2/8 della tonnara vennero acquistati da Ignazio Florio nel 1874. Di grande importanza economica, la tonnara stata attiva fino alla seconda met del XX secolo.
La pi antica notizia documentata relativa all'attivit della tonnara di Scopello pu essere ricavata dal "Quaderno delle Gabelle", datato prima del 1312, che fa ipotizzare un esercizio organizzato della stessa tonnara gi dal XII secolo. Una certa continuit dell'attivit della tonnara anche testimoniata da un atto notarile del 15 gennaio 1421, relativo a basi temporanee di pesca installate a Scopello: all'epoca la tonnara doveva per essere costituita da un complesso alquanto modesto dacch nel Liber de Secretiis del Barberi viene indicata come "tonnaria parva sive thonus maris". Non sono pervenuti dati relativi al reddito della tonnara sino alla fine del XVII secolo. Per quanto riguarda i due terzi di propriet gesuitica, sappiamo che il profitto medio si aggir sulle 500 onze annue, e raramente la gestione chiuse in passivo. Negli anni in cui, una volta espulsi i Gesuiti, la loro quota di tonnara fu venduta a Baldassare Naselli, la gestione and in perdita. La tonnara, passata nel 1874 in propriet al gruppo Florio, venne ulteriormente potenziata ed ammodernata: nel periodo compreso tra il 1896 ed il 1905, il valore del pescato oscill dai 2480 ai 1043 quintali. Nel periodo successivo si ebbero forti variazioni del pescato annuo. Per quanto riguarda il periodo che va dal 1922 al 1962, vi sono dati pi puntuali. Il pescato medio annuo risulta di tonni 472, con un minimo di 30 nel 1929 ed un massimo di 1335 tonni nel 1938. Successivamente nel decennio tra il 1961 ed il 1970, lo standard normale si assestava sui 600-800 quintali annui. Negli ultimi anni in cui la tonnara fu produttiva, l'annata migliore stata quella del 1977 con un pescato di 700 tonni. Nel 1981 la tonnara fu prescelta per sperimentazioni biologiche.
Fonte: https://it.wikipedia...Inserito da Alfredo Petralia   
Mostra / Nascondi

+ Inserisci info
Foto

Foto  

+ Inserisci foto
Video

Video  

+ Inserisci video
Eventi

Eventi  

+ Inserisci evento
0
0
0
Cosa vedere vicino

Cosa vedere vicino  

Torre dell'Impiso

 
Torre dell'Impiso di Cala m'piso

Torre della tonnara di Scopello

 

Ingresso sud della Riserva Naturale Orientata dello Zingaro

 


Scopri altre risorse
+ Inserisci risorsa
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
SU
ETNAPORTAL.IT
Fontana di Orione

Tonnara del Secco

 

Palazzo Crociferi (Convento dei Padri Crociferi)

 

Torre Isulidda

 


Scopri altre risorse simili
ATTIVITA' COMMERCIALI NELLE VICINANZE

Dove dormire

Hotel

RELAIS ANTICHE SALINE

a Paceco, Trapani - 29,6 km

Il baglio è una tipologia architettonica che nasce per definire luoghi di difesa e controllo divenu...

Dove mangiare

Interno Trattoria del sale
Trattoria

TRATTORIA DEL SALE

a Paceco, Trapani - 29,7 km

Nel cuore della Riserva Naturale orientale delle Saline di Trapani e Pacco, il Museo Ristorante Sali...

Servizi Commerciali

Baia Santa Margherita - San Vito lo Capo
Sito Web / Portale, Stabilimento balnear...

SELINUNTE SERVICE & TRAVEL S.R.L.

a Castelvetrano, Trapani - 42,9 km

I nostri servizi turistici: Accoglienza degli ospiti trasferimento da qualsiasi stazione d' arrivo: ...

OffertaOfferte

Belle si nasce, giovani si diventa con soli 50 ...

Disponibili  
30

2.000,00 €
990,00 €

Made in Sicily

Artistico

EUROFANTASY

10,00 / 1.00 unita

x
he