Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti alluso dei cookie.
Scopri la Sicilia > Provincia di Messina > Monforte San Giorgio > Cosa vedere qui > Chiesa Madre di Gesù e Maria
avantiavanti
 1340 visualizzazioni

Religioso, Storico, Monumentale

La Chiesa di Ges e Maria sorge nel rione Portaterra, in prossimit dei resti della cinta muraria medievale, su di un terrazzamento naturale splendidamente affacciato sulla valle del fiume Bagheria e sulle isole Eolie. Fu costruita tra il 1622 e il 1629 dalla Confraternita omonima, fondata a Monforte pochi anni prima dal giovane sacerdote Placido Di Pietro sul modello di una Congregazione dello stesso nome operante nel vicino casale di Gesso fin dal 1605 e alla quale per disposizione dell'arcivescovo di Messina dell'epoca Ruiz de Valdivexo dovevano riferirsi per Costituzione e Regole tutte le altre Congregazioni con il medesimo titolo che sorgessero nella Diocesi. Padre Di Pietro era riuscito a riunire sotto i nomi di Ges e Maria i rappresentanti di tutte le pi importanti famiglie di Monforte, prima fra tutte quella del Principe Moncada, che oltre ad entrare a far parte della Confraternita fecero a gara per effettuare lasciti e donazioni, contribuendo cos alla creazione di un patrimonio di gran rilievo.
La fondazione della Confraternita va comunque inserita nell'ambito di quello straordinario fenomeno di rinnovamento e rinascita all'interno della Chiesa Cattolica che fu la Controriforma. Tra Cinquecento e Seicento infatti si ebbe in tutta Italia la nascita di numerosissime congregazioni di fedeli che, animate dalle disposizioni della Controriforma espresse dal Concilio di Trento, si proponevano di diffondere i dogmi della Chiesa Cattolica Romana e di contrastare la diffusione delle nuove Chiese riformate %u2013 prima fra tutte quella luterana %u2013 e di tanti pi o meno piccoli ordini religiosi di non sicura fede cattolica. Le congregazioni che sorsero in quel periodo avevano le caratterizzazioni pi diverse e si proponevano di coinvolgere tutti i ceti sociali, dalla pi colta aristocrazia al pi umile dei contadini ma erano accomunate dalla ferma volont di servire senza esitazioni i princpi della Controriforma, diffondendosi in modo capillare nelle grandi citt cos come nelle pi piccole pievi di campagna.
La principale occupazione della Confraternita di Ges e Maria, cos come stabilita da Padre Di Pietro, era rappresentata dalle opere di culto e di carit. Veniva svolta infatti una intensissima attivit liturgica: ricordiamo le celebrazioni religiose per la Presentazione di Ges al Tempio %u2013 pi volte definita dalle fonti antiche come la festa principale della Confraternita %u2013 le Quarant'ore, le festivit di Santa Caterina da Siena e Santa Chiara d'Assisi, la novena del Natale e il cosiddetto Cola Maria (sconosciuta l'origine esatta del nome), una festa istituita dal fondatore Padre Di Pietro in cui venivano donati frutta secca e altro cibo ai poveri del paese. Queste celebrazioni gi nel Seicento avvenivano con la massima solennit e prevedevano una ricca decorazione della chiesa, l'utilizzo regolare di musicisti %u2013 sono documentati un organista stipendiato, un violinista e svariati cantori %u2013 e persino di fuochi d'artificio.
Tra le tante attivit caritatevoli, risultano documentate l'assistenza ai poveri del paese, ai pellegrini, ai malati, ai carcerati di Milazzo e anche ad una comunit di ebrei convertiti al Cristianesimo che vivevano a Monforte nella seconda met del Seicento. Inoltre il fondatore aveva istituito un legato "di maritaggio" che prevedeva ogni anno la donazione di una dote in denaro ad una giovane sua discendente che andasse sposa.
La struttura della chiesa a navata unica %u2013 tipica dell'epoca della Controriforma e atta a favorire la predicazione e la partecipazione dei fedeli alle celebrazioni liturgiche %u2013 rimasta sostanzialmente invariata nei secoli e le principali opere d'arte sono state conservate nelle posizioni originali come, ad esempio, gli altari che hanno mantenuto il loro originale semplice aspetto in pietra dipinta a tempera, anticamente ricoperti con dei paliotti di stoffa o di legno. Esempi di entrambi i tipi sono conservati infatti in Ges e Maria: uno ligneo appartenente all'altare dell'Ecce Homo (seconda met del XVIII secolo) e un secondo molto pregevole in seta, fili d'argento e pietre dure posto davanti all'altare maggiore (seconda met del XIX secolo).
Non vi alcun dubbio per che le pi importanti opere d'arte realizzate per la chiesa di Ges e Maria siano le tre imponenti pale d'altare che il pittore messinese Gaspare Camarda (circa 1570 %u2013 post 1629) dipinse sul finire degli anni Venti del Seicento raffigurando "Il Trionfo della Croce con Ges e Maria", "Santa Chiara d'Assisi" e "L'estasi di Santa Caterina da Siena" (quest'ultimo purtroppo trafugato da ignoti nel 1976). Il meraviglioso trittico pittorico, formato da tre tele a soggetto autonomo ma tra loro complementari, avulso da qualsiasi legame con le devozioni diffuse nel territorio, piuttosto finalizzato ad affermare le verit dogmatiche della fede e a sottolineare i valori e i propositi stessi della Confraternita, che si basavano sui Sacramenti. In particolare, i tre quadri realizzano un programma di catechesi per immagini nello spirito della Controriforma basato sulla assoluta centralit della Trinit %u2013 ben esplicitata nel quadro dell'Altare Maggiore della chiesa %u2013 e sui due Sacramenti, Eucaristia (simboleggiato da Santa Chiara) e Riconciliazione (simboleggiato da Santa Caterina), che necessitano di continuo rinnovo durante la vita del credente e che maggiormente erano stati messi in discussione dalla Riforma di Lutero. Sia Il Trionfo della Croce che la Santa Chiara conservano le proprie imponenti e pregevoli cornici originali della prima met del Diciassettesimo secolo di legno finemente scolpito, dipinto e dorato. Esse sono ben al disopra del livello medio delle cornici lignee superstiti nella zona e hanno un loro corrispondente a Monforte solo nel coro ligneo della Chiesa Madre.
Altre opere degne di nota che si conservano all'interno della Chiesa sono la statua di legno policromo raffigurante Cristo alla colonna, realizzata da ignoto probabilmente intorno alla fine del Seicento e collocata in un pregevole altare decorato in stucco dei primissimi anni del Settecento ed una bella piccola statua in marmo bianco raffigurante Maria Assunta, opera di un ignoto scultore settecentesco, proveniente, secondo fonti antiche, dalla chiesa del Rosario, oggi non pi esistente, e collocata in Ges e Maria dopo il terremoto del 1783. Inoltre nella chiesa si custodiscono pregevoli paramenti liturgici di epoca compresa tra il XVII e il XIX secolo e preziose opere di argenteria liturgica realizzate dai grandi maestri argentieri della citt di Messina tra cui spiccano il calice di Diego Rizzo della prima met del Seicento e il calice di anonimo argentiere messinese con i simboli della Confraternita.
In agosto 2006 la Confraternita di Ges e Maria ha voluto una piccola mostra dal titolo "MOVERE FIDELES" che si inserita nell'ambito delle Giornate Tucciane 2006, dedicate al monfortese Padre Stefanio Tuccio S.I. (1540-1597), illustre gesuita che ebbe un ruolo centrale nella stesura della Ratio atque Institutio Studiorum, l'insieme di principi e norme che regolavano fin nei minimi dettagli l'istruzione dei giovani nei collegi gesuitici di tutto il mondo e che costitu un modello imprescindibile per la didattica e per la trasmissione del sapere nei secoli successivi. Con questa mostra, incentrata sull'esposizione al pubblico di gran parte della dotazione della Confraternita di Ges e Maria normalmente non visitabile, si voluta offrire una visione %u2013 sebbene necessariamente parziale e limitata %u2013 della Controriforma con particolare riferimento alle realt della Sicilia e di Monforte in particolare. La mostra stata articolata in due percorsi distinti ma integrati tra loro che ripercorrevano rispettivamente la storia e i luoghi della Confraternita e l'epoca del Rinnovamento cattolico a Monforte. L'allestimento si proponeva di valorizzare i luoghi pi suggestivi dell'antico complesso di Ges e Maria recentemente restaurato in modo rigorosamente conservativo e ha consentito di ricreare ambienti e atmosfere particolarmente rievocativi dell'epoca d'oro della Confraternita.
Dopo un periodo di lento e progressivo declino che inizi nell'immediato secondo dopoguerra e raggiunse il punto pi basso negli anni Settanta con il furto della tela di Santa Caterina da Siena, la Confraternita rinata grazie all'impegno di un piccolo gruppo di discendenti degli ultimi confrati che in poco tempo hanno arrestato il processo di disfacimento morale e materiale della Confraternita e hanno avviato una fase di attivo rilancio.
Oggi l'Arciconfraternita di Ges e Maria retta a norma di Diritto Canonico da un Governatore e da un Governo costituito da due Consiglieri e un Cancelliere eletti dal Capitolo Generale dei Confrati e si propone di rilanciare lo spirito di profonda e sincera religiosit dei propri fondatori, promuovendo opere di culto, evangelizzazione e piet. Particolarmente sentita la devozione alla Santa Croce e alle Sante Chiara d'Assisi e Caterina da Siena. La chiesa inoltre divenuta negli ultimi anni un importante centro di musica antica, noto persino a livello internazionale e dal 2006 si distinta particolarmente nell'ideazione e realizzazione delle Giornate Tucciane di Monforte San Giorgio dedicate all'arte, alla filosofia e alla spiritualit. Importanti opere di restauro, come il recupero delle strutture esterne e degli edifici retrostanti la chiesa, sono gi state messe in atto negli ultimi anni ma negli intenti dei confrati vi ancora il pieno recupero delle strutture interne e dei beni mobili di propriet della Confraternita, in modo da poter festeggiare degnamente il Giubileo di Ges e Maria in occasione del quarto centenario della fondazione, nel 2021.
Fonte: http://www.comune.mo...Inserito da Alfredo Petralia   
Mostra / Nascondi

+ Inserisci info
Foto

Foto  

+ Inserisci foto
Video

Video  

+ Inserisci video
Eventi

Eventi  

+ Inserisci evento
0
0
0
Cosa vedere vicino

Cosa vedere vicino  

Passeggiando per Rometta

 
Per le vie di Rometta

RUDERI DELLA CHIESA DI S.ANTONINO (sec. XVIII)

 
RUDERI DELLA CHIESA DI S.ANTONINO (sec. XVIII)

TORRE CON RESTI DEL PALATIUM DI FEDERICO

 
TORRE CON RESTI DEL PALATIUM DI FEDERICO


Scopri altre risorse
Porta Milazzo (Porta Terra o Borbonica)
+ Inserisci risorsa
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
REGISTRA LA TUA STRUTTURA
SU
ETNAPORTAL.IT

Santuario della Madonna della Neve

 
Santuario Santa Maria della Neve

Chiesa ed Eremo della Madonna del Crispino

 
Maria Santissima del Crispino

Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo e S. Maria Addolorata

 


Scopri altre risorse simili
Per le vie di Rometta
ATTIVITA' COMMERCIALI NELLE VICINANZE

Dove dormire

Vista sulla piscina
Villaggio

VILLAGGIO LA CICALA

a Brolo, Messina - 49,0 km

Il Villaggio La Cicala è il luogo ideale dove passare le vacanze in Sicilia in pieno relax tra mare...

Dove mangiare

Bar, Caffetteria, Pasticceria, Rosticcer...

SWEET BAR S.A.S. DI REALE SALVATORE & C.

a Capo d'Orlando, Messina - 56,2 km

E' il nome della bontà, della freschezza, dei sapori più accattivanti.

Servizi Commerciali

foto esterna
Assistenza Bici, Bar, Bed And Breakfast,...

TURISMO RURALE LEANZA

a Cesarò, Messina - 67,2 km

antica dimora rurale circondata da campi e panorami agresti offre, inoltre, al visitatore la possibi...

OffertaOfferte

PROMO VISTA

Disponibili  
99+

140,00 €
60,00 €

Made in Sicily

Buccelato da 40 gr ca.
Dolci

Buccellati

12,00 / 1.00 Kg

x
he